Car# (grazie a bubi che mi ha fatto scoprire questo geniale modo di rivolgersi agli esseri umani, senza distinzione di genere…)
bentrovat#
Oggi 1 di Settembre è il 100° post di questo blog…adoro queste magiche connessioni numeriche…
Spero che l’estate sia stata meravigliosamente fruttuosa per tutt# e mi auguro che il mese che verrà sia e sarà più che positivo per tutt#
per quel che mi riguarda è stata uno splendido agosto e sono fermamente convinta che così saranno anche i mesi a venire: ayurvedicamente ci saranno molte novità, come collaborazioni e corsi
Per salutare l’inizio uggioso di questo settembre, vi lascio con una nuova ricetta, una zuppa che mi pare vada bene con questo umido che avanza…

  • ZUPPA DI CECI AI SEMI DI PAPAVERO PICCANTINA
    1 cucchiaino di semi di senape
    2 cucchiaini di cumino
    1 cucchiaino coriandolo
    1 cucchiaino curcuma
    1 cucchiaino di semi di papavero
    1 cucchiaino di hing
    Cipolla rossa , erbe aromatiche a scelta
    1 peperoncino rosso
    3 cucchiaini zenzero fresco
    3 foglie di alloro
    250 gr ceci ammollati
    Curd
    Ammollate i ceci tutta la notte. Fate un soffritto nell’olio con le spezie seguendo l’ordine di cottura e aggiungete i ceci. Cucinate per 45 minuti nella pentola di coccio o nella pentola a pressione per circa 25 minuti. Prima di servire frullate se volete una vellutata, togliete l’alloro e aggiungete 1 cucchiaio di curd per piatto.

2 commenti

bestiolinarara · 9 settembre 2014 alle 12:27

Ele, foto please…il cibo bisogna vederlo 🙂 Anto

    eleonorayur · 11 settembre 2014 alle 11:18

    ciao anto, hai perfettamente ragione. allo stesso tempo però vorrei spezzare una lancia a favore del cartaceo. Per anni abbiamo seguito le ricette solo leggendole additittura su libri e non su schermo! E ancora adesso lo faccio. Comunque ho intenzione anche di fare dei tutorial sulle ricette per cui yes!lets see them ! grazie e bacini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.